Pazienti oncologici, pratiche più veloci per il riconoscimento dell’invalidità

untitledPrimo e storico accordo in Italia stipulato tra Regione, Inps e Ifo che accorcerà i tempi dei controlli volti al riconoscimento dell’invalidità per i pazienti oncologici. La svolta parte dal Lazio. Da cinque controlli per ottenere il riconoscimento dell’invalidità a uno solo, con uno specialista oncologo che farà la diagnosi e compilerà “il certificato introduttivo” da portare all’Inps. L’obiettivo è quello di sveltire le pratiche per i malati di tumore. L’accordo porta la firma del presidente della regione Lazio, Nicola Zingaretti, quello dell’Inps, Tito Boeri e quello dell’Ifo (Istituto Fisioterapici Ospitalieri) , Francesco Ripa di Meana. Il protocollo siglato avrà durato di diciotto mesi e per lo specialista sarà possibile acquisire fin da subito, già durante il ricovero ola cura presso le strutture sanitarie, tutti gli elementi necessari alla valutazione medico legale, evitando al malato eventuali ulteriori esami e accertamenti. Sarà il medico stesso ad avviare le pratiche per il riconoscimento dell’invalidità. I tempi d’attesa si ridurranno e l’Inps garantirà tempi certi e più veloci con la scomparsa dei verbali cartacei e la digitalizzazione delle procedure. Il nuovo processo, prevede che si abbattano anche i costi, perché il “certificato introduttivo” non dovrà più essere pagato, abolendo così il pagamento della tariffa al medico di base che si aggirava tra i 60 ed i 100 euro. Le procedure si standerizzano e non ci saranno valutazioni diverse rispetto a quelle medico-scientifiche. Il modello per il momento varrà solo per la regione Lazio, che tra le altre cose ha introdotto importanti novità che riguardano i pazienti oncologici, infatti, è tra le prime regioni ad adottare il modello del “breast unit” per assicurare una maggiore assistenza per i pazienti malati di tumore al seno. Il presidente Zingaretti ha anche approvato il regolamento del registro tumori per una maggiore prevenzione ed infine sono stati adottati anche strumenti tecnologici aggiornamenti innovativi denominati “protonc4life”, uno dei più grandi progetti italiani per le cure oncologiche che vedrà protagonista l’Ifo insieme all’ospedale Gemelli. Un leggero frastornamento, la disperazione, l’ansia, il terrore in notti che passano insonni perché preda della paura, la diagnosi di tumore si riversa come un tornado, mettendoci di fronte a sentimenti e paure più grandi di noi. Come restare “a galla” in una situazione così difficile? E come comportarsi con una persona cara che si ammala? Certo molto dipende dal carattere dei singoli individui, ma sono moltissimi – la stragrande maggioranza- i pazienti ed i familiari che attraversano periodi più o meno lunghi di ansia, depressione, tristezza, paura dopo aver ricevuto la notizia di un tumore. Banale e persino poco scientifico, ma è una verità provata da molti studi e soprattutto dall’esperienza di migliaia di pazienti: il tempo che passa è un prezioso alleato. Utile a smussare gli angoli, le asperità del primo momento legate al trauma della diagnosi. In sostanza, lo shock iniziale è come una ferita nell’anima: col passare dei giorni può rimarginarsi oppure rischia di peggiorare. La regola numero uno per amici e familiari disorientati dalla malattia che cambia la vita di chi si ama, è quello di ascoltare, lasciare che il malato si esprima e non si tenga tutto dentro. Minimizzare è controproducente, molto più efficace è un atteggiamento rassicurante e d’incoraggiamento. La malattia arriva d’improvviso a scombussolare i piani della vita. Il cancro è una cicatrice nell’anima. Ruba la salute, spesso la dignità, la fiducia in se stessi, la percezione di sé nel mondo. E negli ospedali esiste una vita, esistono uomini e donne che malgrado tutto continuano ad essere madri, padri, mogli, mariti o figli. Riescono a collocare nell’agenda della vita l’appuntamento per la chemioterapia fra una lavatrice o la partita di calcetto del proprio figlio. Sono uomini e donne coraggiosi e bellissimi. Ma quegli ambienti sono carichi di speranza, di dolore e di solitudine. Ma se tra i cunicoli degli ospedali, le paure, le problematiche varie si inserisce una burocrazia più umana, meno lenta, più veloce, tendendo la mano al paziente si crea una relazione con il cittadino e l’azione intrapresa dalla regione Lazio, rendono lo Stato amico del cittadino, semplificandogli la vita, ponendosi come una innovazione sanitaria che, speriamo, possa essere ampliata, considerando, così come ha fanno notare dall’Inps, che la platea di soggetti che richiede l’invalidità civile per malattie oncologiche si attesta intorno al 28%. In questo modo si velocizzano le pratiche e si riducono gli oneri per le famiglie con la possibilità anche di anticipare la concessione della legge 104/92, ovvero la possibilità delle famiglie di poter assistere in modo adeguato il malato. Tito Boeri, presidente dell’Inps, fa sapere che ci sono altre regioni che hanno deciso di accentrare i controlli presso l’Inps come la Basilicata, la Calabria e forse in tempi brevi anche la Campania. Questa esperienza richiama la sperimentazione già in atto in alcuni ospedali pediatrici che sembrerebbe andare bene. Insomma, sembra che la burocrazia stia andando verso un processo di umanizzazione e di rispetto della malattia.

(Articolo pubblicato sul mio blog Pagine sociali per ildenaro.it)

Contrassegnato da tag , , , , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: