Sotto le macerie di Ischia trionfa l’umanità ma resta la ferita psicologica

img_0217Un boato, la terra che trema, viene sorpresa così in una sera d’Agosto, Ischia. In pochi istanti sotto il movimento sussultorio di una scossa dal magnitudo 4.0, sette palazzi crollano a Casamicciola, sulla costa nord, due donne restano vittime del terremoto, mentre 42 saranno i feriti. La terra trema ancora nell’isola più grande della Campania, presa d’assalto in queste settimane dai turisti, ormai in fuga da quel fazzoletto di bellezza e arte ormai divenuto spettrale. Saranno le inchieste a far luce sui crolli, su quelle abitazioni venute giù come cartapesta, sulle morti che cercano un colpevole ma oggi Ischia regala al mondo una pagina di umanità e di civiltà. Per ore i Vigili del Fuoco ed i soccorritori hanno scavato ininterrottamente con passione e tenacia, credendoci, così da mescolare dopo ore la paura alla gioia per la famiglia rimasta sotto le macerie. E’ emozionante la storia dei tre fratellini rimasti per ore sotto le macerie della loro casa a Casamicciola. Il sisma li ha colpiti poco prima di andare a letto: il primo ad essere salvato il più piccolo, Pasquale di soli sette mesi. I più grandi Mattias di 7 anni e Ciro di 11 anni, erano sotto al letto, perché Ciro aveva trascinato lì anche il fratellino, poi con un manico di scopa ha battuto contro le macerie e si è fatto sentire dai soccorritori. Ciro non ci ha pensato due volte per istinto e per amore a mettere in salvo anche il fratellino, scegliendo di mettere in salvo per prima lui, infatti, quando sono arrivati i soccorsi lo ha spinto per primo fuori. Ciro ha salvato la vita ad entrambi, coraggioso e buono mostrandoci il volto del legame tra fratelli e sorelle, un legame che dura per tutta la vita. Il legame tra fratelli e sorelle biologicamente è imprescindibile seppur possono esserci rapporti buoni o anche conflittuali, una polarità: da una parte cooperazione, solidarietà e supporto reciproco, dall’altro competizione, conflitto che possono innescare litigi o nei casi più gravi odio. Ma resta comunque il rapporto più significativo per un uomo ed una donna che si protrae per la vita e in situazioni di emergenza, di dolore, scatta in ognuno di noi un meccanismo difensivo che accantona le nostre paure per mettere in salvo o comunque aiutare il proprio fratello. Ma il terremoto lascerà in questi due fratellini e in quanti lo hanno vissuto una ferita psicologica: uno stress post trauma. La terra simbolicamente è vista come madre e viene associata a sicurezza e stabilità, rappresentando una delle poche certezze per l’uomo. Quando trema, quando tutto frana, viene minata la fiducia, il senso di protezione e la terra si trasforma in un nemico da temere che attenta alla nostra sopravvivenza provocando paure ed emozioni profondissime: paura della morte, un senso di impotenza e di allerta continua. L’esposizione ad un episodio inaspettato e catastrofico come il terremoto è un vero e proprio trauma che può portare dei sintomi: come disturbi d’ansia, vergini, disturbi del sonno, depressione. In genere questi sintomi si risolvono da soli nell’arco di un mese, quando persistono allora si è davanti ad un disturbo post traumatico da stress (DPTS) riconoscibile dalle tre principali caratteristiche: intrusione, evitamento, hyperarousal. E’ bene quindi non lasciarsi andare, non chiudersi nel proprio mondo, ma nella condivisione con gli altri, è bene farsi aiutare da uno psicologo per far emergere anche le paure più inconsce, per elaborare la paura interna. Spesso, infatti, dopo un evento come il terremoto viene messo a disposizione della popolazione equipe di psicologi, che nel caso di Ischia supporteranno anche i due fratellini. L’elaborazione dell’evento per un bambino che come in questo caso è rinato dalle macerie e si è ricongiunto con la sua famiglia, sarà più semplice da elaborare e da vivere, diversamente in traumi caratterizzati anche dalla perdita di un genitori o di un familiare caro. L’elaborazione della paura e del trauma per un adulto può essere più lungo perché un adulto è una persona responsabile, ha una storia, un vissuto alle spalle, vive magari in situazioni già di stress che unendosi al trauma può sembrare difficile da vivere ma così non è, basta prenderne coscienza con l’aiuto anche di esperti. Se la terra trema e crolla non significa che non si può ricostruire, partendo dalla nostra psiche.

 (Articolo pubblicato su “ildenaro.it”)

Annunci
Contrassegnato da tag , , , , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: