La maturità che spaventa. Il sogno ricorrente: rifare l’esame di maturità

untitledCuriosi ma non troppo. Ansiosi ed impauriti. Maturandi alla riscossa e Giugno è proprio il loro mese. Infatti, l’estate si apre per molti studenti con il periodo dell’anno nel quale esplode il grande argomento degli esami di maturità, portando con sé angosce, paure, rimpianti e perfino un po’ di nostalgia. Quello che è certo è che, a distanza di anni, nonostante la carriera, la professione intrapresa, la laurea sudata e raggiunta, il ricordo dell’esame di maturità è dietro l’angolo. La maggior parte delle persone si ritroverà a dover affrontare lo stesso esame di maturità all’interno dei propri sogni. Perché, parafrasando Eduardo De Filippo, nella sua celebre commedia “Gli esami non finiscono mai” e quello della maturità non si dimentica certo facilmente. Spulciando Freud potremmo collocarlo nei “sogni tipici” ovvero nei sogni che contengono fantasie collettive, sogni che almeno una volta nella vita l’essere umano farà. Il sogno dell’esame di maturità in molti è ricorrente e si presenta sotto lo stesso “copione”: nella maggior parte dei casi scopriamo per un qualche motivo di dover ripetere l’esame di Stato, o ci troviamo già nel percorso che ci porta a scuola, domandandoci perché dovremmo mai rifarlo, spesso, invece, si sogna di dover organizzare lo studio per l’esame di maturità tra il lavoro o addirittura tra gli esami universitari, altri, invece, sognano di ritrovarsi dinanzi al compito di italiano o di latino e di farsi prendere dalla “sindrome del foglio bianco”. Difficilmente nel mondo dei sogni, superiamo l’ostacolo dell’esame facilmente e molti si risvegliano in preda all’angoscia di fronte ad una prova impossibile. E così il giorno dopo ci interroghiamo sul perché continuiamo a sognarlo o che significato possa avere. I sogni tipici, come teorizzava Freud, fanno emergere, fantasie universali, legate a tematiche che in ogni cultura e in ogni tempo l’umanità ha affrontato o deve affrontare. Dobbiamo però dire che il sogno di per sé si ricollega al passato, a qualcosa di vissuto già, che rispecchia il presente, qualcosa che in qualche modo stiamo vivendo o ci ricorda l’oggi. Quindi, per la psicologia, l’esame di maturità potrebbe corrispondere ad vissuto di inadeguatezza verso qualcosa legata alla nostra vita attuale: una nuova relazione, un nuovo lavoro, impegni scolastici o sentirsi immaturi in una determinata situazione. Ma, il sogno potrebbe svelare un messaggio più profondo, legato alla nostra crescita personale: abbiamo bisogno di coraggio, di uno slancio che ci permetta di andare oltre qualcosa che oggi ci frena, nascondendo un desiderio evolutivo, di cambiamento. Sognare per quanto possa spaventare o intimorire, fa bene in quanto fa riemergere paure e incertezze intime, sognare fa rievocare, e non sempre hanno bisogno di essere necessariamente interpretati, non va ricercato costantemente un significato, perché la vita va vissuta, seppur con molti impedimenti e prove difficili da superare, e forse per molti, la maturità è stata la prima vera prova di maturità, quel passo- slancio che ci ha concessi di entrare all’interno della società, di fare scelte di studio e lavorative personali, scelte che hanno disegnato il futuro e l’aspetto professionale di ognuno di noi, pur con errori e perplessità. Guardandolo con occhi diversi, il sogno della maturità, nasconde anche, un desiderio nostalgico, di spensieratezza e di gioventù, di sana incoscienza, di leggerezza, che -siamo sinceri – da adulti non c’è più. L’esame di maturità è il “rito di passaggio”, che  con le sue paure porta anche tanti rimpianti. Seppur l’adolescenza da sempre viene raccontata come una fase di crescita delicata e critica, è proprio in quegli anni che si vivono esperienze importanti: il primo amore, le prime prove scolastiche, le emozioni delle competizioni sportive, le prime amicizie profonde, le prime vere scelte sul proprio futuro: dal corso di studio a scuola, al lavoro dei sogni che si rincorre. Sono ricordi che appartengono alla vita di ognuno di noi che hanno novità e forza, e qualche volta la nostalgia la sente anche il nostro inconscio. Pur consapevoli che la “Notte prima degli esami” arriva per tutti, anzi, forse come racconta nella sua commedia De Filippi, gli esami non finiscono mai e di notti prima degli esami ne vivremmo molte, con la consapevolezza di Luca, uno dei protagonisti del film “Notte prima degli esami”: “E così è arrivata la notte prima degli esami. Non era come me l’aspettavo. Non c’erano più i miei amici non c’era più neanche Azzurra. Eravamo rimasti solo in due: io e la sfiga”.

(Articolo pubblicato sul mio blog Pagine sociali per ildenaro.it)

Annunci
Contrassegnato da tag , , , , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: